Ponte Rosso - Restaurant & Private Beach Club

"Qui su la spiaggia del mare, spingemmo in silenzio la nave,
dentro un luogo sicuro, ché un Dio sopraggiunse a guidarci
"

(Ulisse e Circe, Odissea, 140 – 141)

Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Il nostro nome, la nostra storia

Il Lago di Paola è collegato al mare da due canali. Uno scavato nell’estremità Nord, detto “caterattino”, di scarsa importanza e dimensioni, e uno di epoca augustea nell’estremità Sud, proprio sotto il Monte Circeo. Sul canale romano, lungo circa novecento metri, erano presenti due chiuse. La prima, la “Chiusa Innocenziana”, proteggeva la foce a mare del canale romano, proprio all’altezza dell’arenile demaniale, mentre la seconda, detta Ponte Rosso o Ponte delle Cateratte, è tuttora posizionata più internamente, prima della biforcazione dei canali che poi sfociano nel lago. Le due chiuse hanno funzioni diverse. Quella esterna ha il compito di proteggere il canale dalla forza delle mareggiate invernali, impedendo inoltre l’entrata nel lago delle masse di posidonia che ne occluderebbero l’ingresso.

Il Ponte Rosso, invece, serve principalmente per gestire il flusso delle acque e per costituire un “battente di richiamo” durante la montata del novellame ittico, ossia dei pesci neonati che attratti dall’acqua dolce vengono a crescere nel lago. Il bacino è infatti salmastro e ha bisogno di acqua dolce per mantenere i suoi equilibri ecosistemici. Insieme alle sorgenti di falda, le piogge invernali rivestono una grande importanza in tale processo. Occorre tuttavia dare il tempo all’acqua dolce caduta dal cielo di mescolarsi con quella del bacino, abbassandone il tasso di salinità. Il Ponte Rosso serve proprio a questo. Le sue paratoie impediscono all’acqua dolce di rifluire in mare nei mesi invernali, gestendo il flusso delle maree e apportando un beneficio essenziale per la sopravvivenza ambientale del lago.

La presenza di queste due chiuse ha pregiudicato, non poco, gli interessi speculativi che negli ultimi cinquant’anni hanno intravisto la possibilità di trasformare il Lago di Paola in un’area portuale, in violazione dei vincoli ambientali preposti a tutela dell’area protetta. Per tale ragione, nel maggio 2003, la Chiusa Innocenziana è stata abbattuta nottetempo al fine di far transitare nel canale romano imbarcazioni di maggiore stazza. Nel 2007, il gruppo di interesse costituitosi intorno ad un nuovo progetto di sviluppo nautico nel Lago di Paola ha tentato di far demolire anche il Ponte Rosso, unica struttura rimasta a protezione dell’accesso incontrollato di natanti nel bacino. La strenua difesa da parte dei proprietari, supportata anche dall’intervento diretto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha scongiurato l’abbattimento del ponte. Con decreto definitivo del 14 settembre 2010, il Ministero sancisce la natura di bene culturale del Ponte Rosso, riconoscendone il carattere storico e artistico.

L’impegno nel difendere il Ponte Rosso da chi voleva demolirlo, quindi, va al di là del dato fattuale, ma rappresenta simbolicamente la battaglia condotta in questi ultimi anni per la tutela dell’intera area protetta e degli equilibri ambientali e naturalistici del Parco Nazionale del Circeo.

Per questo motivo, ci chiamiamo così.

Azienda Vallicola del Lago di Paola soc. ag. a r.l., sede legale e amministrativa in Via Casali di Paola 6, Sabaudia (LT) 04016
Tel: 0773/709233 - Fax: 0773/596387 - Email: info@ponterosso.org
Iscritta al n. 234, Elenco Provinciale Agriturismi di Latina, Reg. Gen. n. 713 del 27/05/2013. C.F e P.I. 02627290592.
Tutti i diritti riservati. Powered by Performa.

Note legaly | Privacy